Punti luce a LED autonomi

I punti luce a led autonomi non sono collegati alla rete elettrica, ciò è possibile solo usando le energie rinnovabili quali fotovoltaico, eolico, o un sistema combinato tra i due. Il funzionamento è molto semplice e consiste nel produrre energia tramite un pannello fotovoltaico che può essere installato o direttamente sulla parte superiore della lampada o separatamente (nel caso si voglia illuminare per esempio l’interno di un edificio o il pannello situato su un tetto), al pannello è collegata una centralina che va a caricare una o più batterie le quali forniranno la corrente necessaria . Ricordiamo che il led lavora a bassissime tensioni (di solito 12V) a corrente continua, e che per avere una buona illuminazione bastano anche pochi watt. I punti luce autonomi trovano applicazioni praticamente ovunque, alcuni esempi li troviamo nell’illuminazione stradale, semafori, giardini, parchi, ecc.. L’illuminazione a isola, così chiamata in quanto ogni lampada è indipendente dalle altre e non si ha nessun collegamento alla rete elettrica, oltre che presentare molti vantaggi in termini sia economici che di installazione, riduce notevolmente l’inquinamento luminoso; anche per quanto riguarda la sicurezza sono da preferire, basti pensare all’illuminazione stradale in caso di black-out o dentro casa usate come lampade di emergenza.

 

 

Potreste essere arrivati sulle nostre pagine cercando una delle varianti della parola:

  • illuminazione pubblica led
  • fotovoltaico e led
  • pannello fotovoltaico e led
  • impianti a isola led
  • impianti autonomi a led
  • luce led
  • led lampioni
 

Per continuare su questo sito devi accettare l'utilizzo dei coockies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi